La Danza e la Postura

 

 

DANZA 2 - Copia

La Danza e la Postura

La Postura è un modo di essere personale, è un linguaggio espressivo che comunica sé stessi. La danza vuole insegnare, guidare il corpo alla ricerca di sé stessi. E’ un modo per esprimere se stessi, per far notare alla gente chi siamo e quanto in alto possiamo volare. A volte un semplice movimento o gesto può far decadere l’immagine che avremmo voluto trasmettere a chi ci guarda nel ballo. Succede per motivi banali per atteggiamenti scorretti che assumiamo nella vita giornaliera, per modi di approccio alle lezioni molto superficiali, per percezioni o immagini del vissuto corporeo non acquisite o perché muscolature molto retratte o più elastiche di altre fanno nascere scompensi posturali.
Quindi ha inizio il mio compito: osservazione.
Sì il semplice osservare e testare e parlare con la ballerina o atleta può portare a notevoli miglioramenti posturali che di presentazione di ballo.
Sì il Posturologo persegue l’obiettivo di aiutare il corpo, attraverso l’espressione a far emergere il lato creativo e unico che in ognuno di noi esiste.
Ma con un’attenzione diversa, non lasciandolo in balìa di se stesso, bensì accompagnandolo in una scelta consapevole delle proprie potenzialità ed aspirazioni.
Lasciare liberi i bambini di assumere le posture secondo le proprie inclinazioni non è lasciarli liberi di esprimersi; insegnargli come stare seduti, come portare lo zaino, come lavarsi i denti, come impugnare la penna o il pennarello equivale a fornire uno strumento che potranno, eventualmente, personalizzare a loro piacimento, mentre lasciarli liberi di trovare quello a loro più congeniale è come abbandonarli a sè stessi, astenersi pericolosamente dal fornire un’indicazione preziosa.
Prima di intraprendere un capitolo inerente alle patologie posturali, ciò che colpisce nel vedere porsi un ballerino o ballerina è la postura; un atteggiamento flaccido nel presentarsi in una figura di arabesque, assemblè, attitude, battement con un atteggiamento posturale scorretto e/o con dolore può trasmettere alla platea o pubblico un rifiuto o critica negativa del ballerino o ballerina.
Le patologie posturale in un ballerino/a che sia esso amatoriale o professionista può nascere da un semplice alluce valgo, piede leggermente piatto, muscolatura flaccida o ipertonica e retratta o maggiormente elastica di un’emiparte del corpo. Non da tralasciare sono tutte le alterazioni della articolazione temporo mandibolare e dell’apparato uditivo. Se pensate che una semplice ipoacusia può incidere sulla comprensione dei movimenti nello spazio del ballerino o ballerina. Oppure di un semplice scroscio della articolazione tempero mandibolare può causare dei dolori lombari cosi da non permettere dei movimenti. Come non fare riferimento alla respirazione: gli atti respiratori da eseguire durante uno sforzo che sia esso intenso o meno. Anche se la maggior parte di noi esegue degli atti respiratori completamente scorretti.
Ecco allora a cosa deve mirare il Posturologo insieme alla danzatrice, al recupero, alla educazione e rieducazione degli atteggiamenti posturali che le permettono di volare a far volare l’ immagine di chi la o lo osserva.

Posted: